Cagliari: M5S, Lorenzin faccia luce su ammodernamento ospedale microcitemico

Roma, 9 giu – “A Cagliari ci sono due centri di eccellenza medica, l’ospedale Microcitemico per la cura dei bambini affetti da talassemia e il Businco specializzato nella cura dei tumori, le cui strutture e tecnologie dovevano essere ammodernate per offrire un servizio ancora migliore ai cittadini. E invece la realizzazione dei progetti, ancora non conclusi, è costata più di quanto preventivato all’inizio, rivelando molti contorni opachi sui quali chiediamo al ministro Lorenzin di fare luce”. A chiederlo è la senatrice Manuela Serra, in un’interrogazione al ministro della Sanità.

“La Asl n°8 di Cagliari nel 2003 – spiega Serra – stipulò un contratto di project financing con le società Siemens s.p.a. e Tepor s.p.a. per l’ammodernamento tecnologico e strutturale dei due ospedali, ma da un’analisi della vicenda, è emerso che la necessità di adottare diverse varianti in corso d’opera ha fatto aumentare notevolmente, fino a farli raddoppiare, i costi previsti inizialmente. Inoltre, le varianti al progetto originario non sono state oggetto di procedure ad evidenza pubblica per l’affidamento dei lavori”.

“Da uno studio commissionato all’Università di Bologna – continua la senatrice M5S – è emerso che i costi sono risultati molto più alti rispetto ai normali prezzi di mercato per questo genere di lavori. Da una media di mercato che oscilla tra circa mille euro e i millequattrocento euro a metro quadro, si è giunti a oltre tremila euro per metro quadro di costi reali. Oggi sono circa cinquecento i pazienti che vengono assistiti nel reparto di talassemia, che versa in condizioni strutturali inadeguate e con un organico medico e infermieristico sottodimensionato, con ricadute pesanti per i pazienti assistiti. E’ necessario – conclude Serra – chiarire bene questa vicenda nell’interesse prima di tutto dei pazienti e delle loro famiglie.

Scritto da M5S Senato News pubblicato il 09.06.16 18:05