Come i topi col formaggio

Riproponiamo un articolo di giugno 2012. Nonostante sia passato parecchio tempo, e tante occasione perse per migliorare la vita dei sardi, non sembra che questi politicanti abbiano mai capito quello che i cittadini chiedevano loro. Anzi.

Cari consiglieri sardi, aspettarsi un fuori programma da voi è come sperare che si possa vincere al superenalotto e senza neanche aver giocato i numeri. Non ci avete assolutamente deluso. Nessuno infatti si aspettava che per una volta qualcuno di voi potesse avere almeno l’intelligenza di capire che i sardi meritavano un gesto diverso. Ci si aspettava il fatto che il referendum venisse interpretato correttamente, con una soluzione forte, con un taglio netto ai previlegi e ai mega rimborsi,  dettato almeno ad assecondare lo sdegno che i cittadini hanno sempre più forte verso questa politica fatta da amministratori arroganti ed inefficenti. Vi aspettavamo al varco, perchè sapevamo benissimo che abolire la legge che regolava le indennità ed i rimborsi ai consiglieri  avrebbe obbligato comunque voi, questa casta di nominati, a deliberare nuovamente una legge per alimentare e placare la propria ingordigia. E la risposta è arrivata: 64 Euro. E’ questo il faraonico sconto applicato al proprio stipendio.
Il problema non era il “se” ma il “quando” e il “quanto” e come topi con il formaggio vi ci siete lanciati il prima possibile cercando di ottenere il più possibile.  Quella che agli stolti poteva sembrare una mossa intelligente non è passata inosservata. I cittadini Sardi possono sembrare distratti ma non sono stupidi, e sono ormai stanchi di vedere una classe politica attenta solo ai propri interessi, perchè questo è stato fatto negli ultimi anni….solo i propri interessi e quelli degli amici….i “furbetti del quartierino” in salsa sarda, come testimoniato dalle scelte ultime alla Carbosulcis.
Domani (sabato) alle 9,30 davanti al Consiglio Regionale in Via Roma ci sarà una manifestazione dei cittadini, solo cittadini riuniti per condannare questo gesto e per leggere tutti assieme i nomi dei 63 consiglieri che hanno votato questo scandalo che grida vergogna, incurante della tragedia economica che troppe famiglie sarde vivono anche per colpa di questi amministratori.
Domani ci saremo anche noi, e saremo in tanti…..Hotel Raphael dreaming…..

15 giugno 2012

Roberto De Santis


2 Comments

  1. L’ennesima prova di una classe dirigente autoreferenziale, miope davanti alle pressanti richieste che arrivano dall’opinione pubblica.

  2. che dire di questi politici che incasssano 15, 20 mila euro al mese per non produrre niente che possa servire a muovere l’economia; fanno le leggi urbanistiche sembrano trappole per topi, prevedono finanziamenti per averli è come andare a rubare cercando il compare negli uffici regionali o comunali, e si credo che l’unica soluzione sia mandarli a casa, senza pensione anticipata, così finalmente impareranno un mestiere. Però qualcuno c’è che lavora, si inventa un referendum di quà e di là , poi se non gli va bene dopo qualche anno si inventa il contrario, e per questa genialità si fanno chiamare riformatori, e la gente si disperata ci crede…. sapete qule è la parola magica, MANDIAMOLI A CASA TUTTI ED UTILIZZIAMO I LORO STIPENDI PER AUMENTARE LE PENSIONI MINIME E PERCHE’ NO, ELIMINARE QUESTA IMU INIQUA

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*