Un ‘Piano Marshall’ per Assemini

Mi rivolgo a Mario, neo sindaco di Assemini, a tutti gli altri eletti alle recenti comunali e a tutti gli attivisti della Sardegna, per proporre una sorta di “Piano Marshall” per la prima amministrazione Cinque Stelle dell’Isola.

Assemini non è solo uno dei centri più importanti della Regione: è anche un simbolo per il Movimento, un banco di prova per tutti noi, il luogo nel quale sperimenteremo la nostra reale capacità di cambiare le cose. Assemini sarà sottoposta all’attenzione dell’opinione pubblica di tutta la Regione e i sardi, alle prossime elezioni, decideranno se votare il Movimento anche sulla base di quanto saremo riusciti a fare (o non fare) nel Comune di Assemini. Ecco perché dico: i nostri amici di Assemini vanno aiutati, in tutti i modi. Nel nostro Movimento ci sono tante competenze ed energie: mettiamole a disposizione. Se Mario e i suoi collaboratori avranno bisogno di consulenze gratuite, di persone che si muovano sul territorio per raccogliere segnalazioni, per spiegare, per fare, tutti i gruppi della Sardegna, ed in particolare dell’hinterland cagliaritano, dovrebbero essere pronti ad aiutarlo. L’Associazione di Cagliari ci sarà. Ora sta a Mario ed agli altri attivisti di Assemini, raccogliere questa disponibilità, prendere l’iniziativa, indicare le priorità.

Con un suggerimento che Beppe ci ha fatto alla vigilia delle elezioni (e che Mario han ben compreso): iniziamo da qualcosa di estremamente concreto, è giusto impostare le riforme di lungo periodo, ma i cittadini, che non credono più alle chiacchiere, anzi ne sono nauseati, hanno bisogno di vedere interventi concreti, anche piccoli o piccolissimi, ma subito.

Buon lavoro a tutti noi.

Giuseppe Monni

Immagine in home tratta da Marketing Arena


5 Comments

  1. sono una posizione organizzativa in un ente pubblico e mi rendo disponibile per eventuali consulenze inerenti programmazione, organizzazione, protocollo informatico, organizzazione e gestione del sito istituzionale….giuseppe

  2. Secondo me non dobbiamo caricare di troppe aspettative il sindaco di Assemini, dopotutto è una piccola cittadina con budget e bilanci limitati.
    Certo si può già fare qualcosa di diverso sopratutto cercando di far lavorare i settori scuola-servizi sociali – attività produttive in maniera più integrata, salvaguardando il verde pubblico a discapito delle speculazioni edilizie.
    Comunque lavoro in una OP di apicoltori e mi metto a disposizione qualora servissero consigli o un supporto nel mio campo che è quello dell’agricoltura

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*