Sui rimborsi elettorali

Non c’è bisogno di leggi popolari o di referendum e neppure di una votazione del Parlamento. Per eliminare i “rimborsi” elettorali da un miliardo di euro incassati dai partiti è sufficiente fare un assegno al Tesoro con la somma indebitamente percepita. Il rimborso è infatti “indebito” in quanto sostituisce in modo truffaldino il finanziamento ai partiti bocciato da un referendum. Chi vuole staccare il primo assegno faccia un passo avanti, tutti gli altri mantengano un religioso silenzio. Il M5S ha rinunciato ai rimborsi elettorali di un milione e settecentomila per le elezioni regionali. E’ stato facile come bere un bicchier d’acqua. E lo stesso farà alle politiche. Il M5S rinuncerà a qualunque rimborso elettorale. Basta copiare, non è necessaria una legge per essere onesti.

Fonte: Blog di Beppe Grillo


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*