Il nucleare secondo noi….il nucleare secondo loro….

Capitolo 1 – Il nucleare secondo noi.
Beppe Grillo sul nucleare ad Annozero del 17 marzo 2011

Giovedi sera come di consueto c’è stata la trasmissione Annozero.
Siamo tutti scioccati dal terremoto che ha colpito il Giappone e del pericolo nucleare che attualmente sta preoccupando l’opinione pubblica del mondo e nel video qui sotto riportiamo l’intervento della puntata del 17 marzo 2011 del nostro Beppe Grillo che ancora una volta porta un problema di entità globale ai nostri “addormentati” politici e relativo al nucleare. Senza peli sulla lingua Beppe Grillo si è scagliato ferocemente contro il governo italiano e contro tutti coloro che mirano al business energia senza curarsi minimamente degli interessi e della salute del cittadino.

Al Referendum sul nucleare “Andremo tutti a votare. A milioni. Perché il nucleare è morto, questi che ci governano sono morti”.

Capitolo 2 – Il nucleare secondo loro.
A lezione di fisica termonucleare da Silvio Berlusconi

Occorre essere bene informati sul tema per decidere. Ci piacerebbe che i nostri politici avessero le idee chiare. Ci piacerebbe che questi conoscessero la scienza e la tecnologia che tanto sono importanti oggi per poter fare scelte strategiche serie.
Silvio Berlusconi pare avere qualche problema sul descrivere i processi che portano alla produzione di energia attraverso le particelle elementari della materia. Eccolo in un video, segnalato su Facebook dagli amici di Cattiva Scienza in Tv, a spiegare sinteticamente la produzione dell’energia nucleare dalle cellule!

“Pur essendo noi la patria di Enrico Fermi, creatore della possibilità di creare dalla scomposizione delle cellule l’energia nucleare…”: se qualcuno del suo staff passa da queste parti consigliamo qualche lettura a proposito su Wikipedia, ma visto che questa è un pò troppo comunista, gli consigliamo di leggere la sempre attuale Treccani per prossimi eventuali dibattiti pubblici sul tema.

Da il Fatto Quotidiano del 16/03/2011


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*